PROMOTING ACCESS TO AFRICAN RESEARCH

Italian Studies in Southern Africa/Studi d'Italianistica nell'Africa Australe

The AJOL site is currently undergoing a major upgrade, and there will temporarily be some restrictions to the available functionality.
-- Users will not be able to register or log in during this period.
-- Full text (PDF) downloads of Open Access journal articles will be available as always.
-- Full text (PDF) downloads of subscription based journal articles will NOT be available
We apologise for any inconvenience caused. Please check back soon, as we will revert to usual policy as soon as possible.





A beehive of glances: Valerio Magrelli, the translation of poetry and the poetry of translation

Peter R. Anderson

Abstract


Quest’articolo non si propone di valutare la traduzione delle poesie di Valerio Magrelli, che sono invece punto di partenza, insieme all’interesse stesso del poeta nei confronti della traduzione, per una riflessione della traduzione quale modo poetico. È sintomatico il fatto che la più recente traduzione di Magrelli – opera di grande impegno poetico, conversazione lirica, una sorta di ritorno alla poesia – sia apparsa in Sudafrica nel 2015: da un lato testimonia il crescente riconoscimento del poeta a livello internazionale, dall’altro rappresenta un momento importante nell’intersezione culturale Italia- Sudafrica. La focalizzazione su quattro immagini ricorrenti nella produzione magrelliana – le api, il vetro, gli sguardi e la geometria – apre una discussione sulle difficoltà e sulla possibilità del discorso poetico, che nei testi di Magrelli si rivela quale “utterance” nella traduzione.

Keywords: Valerio Magrelli – translation – poetry




AJOL African Journals Online