Frontiers Of Identity: Representations Of Italianità In Contemporary Narrative

  • R Wilson

Abstract

Il concetto di identità culturale italiana, sempre problematica, è stata complicata ulteriormente da alcuni scrittori, che portano avanti una “politica del locale”, contestando nozioni ricevute e omogenee di territorio, identità e autenticità. Recentemente, diversi studiosi hanno cominciato a riflettere sulle implicazioni teoriche e sulle conseguenze derivate dalla crescente produzione letteraria ad opera di scrittori stranieri che scrivono in italiano o di scrittori italiani che operano al confine tra lingue e culture diverse. Per capire il valore e il significato di questa letteratura di frontiera bisogna tener presente il collegamento strettissimo tra migrazione e confine, tra il valicare il confine e il desiderio di tornare indietro. Questo articolo analizza come l’interconnessione tra confini, appartenenze e migrazione sia visibile e rappresentata in racconti di autori particolarmente sensibili alla rappresentazione dello spazio urbano sia come spazio soggettivo sia come spazio aperto alla trasgressione e all’invenzione dell’io. La tesi che viene presentata è che questi autori usano il topos del confine per mettere in discussione discorsi consolidati di appropriazione nazionalistica degli spazi e per esplorare le possibilità aperte da situazioni di frontiera creativamente interpretate e vissute come aree di creolizzazione culturale.
Section
Articles

Journal Identifiers


eISSN: 2225-7039
print ISSN: 1012-2338